domenica 16 novembre 2008

la casa romana di Sistiana

In prossimità della torre piezometrica di Sistiana si trovano i resti di una casa romana, databili al II o al I sec. a.C.; sono interessanti perchè si tratta dell'unica casa di epoca romana individuata sul Carso Triestino.
Per raggiungerla, bisogna percorere la carrareccia che conduce alla torre piezometrica. Poche decine di metri prima di raggiungere la torre, si deve imboccare un evidente sentiero sulla destra. Basta percorrere pochi metri, e si trovano i resti della costruzione.

Visualizzazione ingrandita della mappa

Fu scoperta nel 1973 grazie all'intuito di un cavatore, che intuì che quell'ammasso di sassi non era una delle tante pietraie naturali, ma i resti del crollo di una costruzione.
La rimozione delle macerie permise di mettere in luce la parte inferiore delle murature, ancora in ottime condizioni anche se edificate a secco. Successivi lavori permisero la stabilizzazione di tali murature, visibili quindi anche oggi.
La costruzione era costituita da un corpo centrale (purtroppo tagliato dal sentiero), e di tre vani.
Interessanti le soglie delle porte, in pietra, che conservano ancora le tracce degli scassi per i cardini delle porte:
Da casa romana di Sistiana


Uno dei tre vani è pavimentato in lastre di calcare (anche se la pavimentazione oggi non è visibile, sepolta da foglie e sedimenti). In questo vano si trova anche una sorta di rozza, bassa colonna, oggi abbattuta sul pavimento (la madre degli imbecilli è sempre incinta), ma che al momento della scoperta era eretta e, forse, usata come incudine:
Da casa romana di Sistiana



Vi sono anche gli evidenti resti di un focolare (forse una fucina) :
Da casa romana di Sistiana


Oggi il complesso versa in stato di abbandono; tuttavia sembra non aver subito gravi danni, e forse ha solo bisogno di una bella ripulita dalla vegetazione...

(clicca su una delle foto per l'album fotografico completo)
Posta un commento